Porrettana. Salviamo una tratta storica e di pubblica utilità.

Due ore, un viaggio da Pistoia a Porretta Terme, un viaggio nel tempo, nella storia, nelle tradizioni e nel più profondo profilo identitario dell’Appennino tosco-romagnolo. La rievocazione storica del treno della Porrettana coivonlge centinaia di persone, giovani e non, a Pracchia, a Piteccio, a Porretta. Una tratta che ogni giorno collega miriadi di paesini abbarbicati sull’Appennino alle città della pianura, in Emilia e in Toscana. Una linea che quotidianamente garantisce gli spostamenti a centinaia di pendolari e pensionati.
Questa mattina, anche il camper referendario di Idv Toscana ha accompagnato il treno lungo la risalita fino a Porretta Terme, dove si è ricongiunto a un convoglio gemello partito da Bologna. Una presenza discreta, quella del “Referendum on the road”, senza fini propagandistici, ma con l’esplicita intenzione di testimoniare la vicinanza di Italia dei Valori Toscana alla battaglia dei Comitati in difesa della Porrettana.
Una tratta che, oggi, rischia un pesantissimo ridimensionamento. I tagli imposti dal Governo con la Legge di Stabilità Finanziaria hanno costretto la stessa Regione Toscana a una forte operazione di contenimento dei costi. Tagli verticali che andranno direttamente a colpire le linee della Porrettana, che saranno più che dimezzate (-55%).
In questa partita, Italia dei Valori Toscana è in prima linea per il ricongiungimento del tavolo tra le Associazioni Pro-Porrettana e l’Assessorato ai Trasporti della Regione Toscana. Noi di Idv, infatti, siamo convinti che ai tagli imposti dal Governo si possa dare una risposta efficace con una rivisitazione del sistema trasporti a livello regionale, non certo andando a colpire con l’accetta una linea che raccoglie in sé un imprescindibile servizio per i cittadini (impossibile da sostituire con il trasporto su gomma) e un valore storico che dà lustro a tutta la montagna tosco-romagnola.
L’iniziativa ha rappresentato un importante momento di aggregazione e informazione in difesa della Porrettana. A Porretta Terme è stata celebrata la rievocazione della cerimonia di inaugurazione della Porrettana del 1864. A Pracchia, sullo sfondo della stazione vecchia, è stata invece inscenata una piccola pièce musicata che ha ripercorso, in chiave metaforica, gli ultimi difficili mesi della ferrovia degli appennini. “La nostra storia finisce qui – ha chiuso lo spettacolo la personificazione della Porrettana – adesso sta a voi combattere affinché quella di questo treno possa percorrere ancora un lungo viaggio”.

Questa voce è stata pubblicata in moda e tendenze. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>