Chi vuole un buon rapuglio, lo semini in luglio…gli scenari attuali visti dall’ ombrellone.

Ci eravamo lasciati alcuni mesi fa. Lo scenario di riferimento era alquanto disperato e disarmante, al punto dal farmi provare un autentica sensazione di schifo e repulsione per quella che ho sempre considerato la più nobile tra le arti ed il modo più vero ed autentico per servire il proprio Paese, la politica. Mesi di silenzio insomma, in cui, mojito alla mano e antidepressivi nell’ altra, osservavo, il più immobile possibile, quanto stava accadendo a casa mia, consapevole che nulla potevo fare per arrestare il perverso corso degli eventi. Risparmierò a ciascuno di voi il riassunto delle puntate precedenti, inutile e doloroso quanto un dildo in una narice, e proverò invece a concentrarmi sui possibili scenari futuri. Una cosa è certa, questo baccanale che è il rapporto pd-pdl potrebbe portare ad un risultato terrificante sotto ogni punto di vista, la realizzazione di un progetto per trasformare la nostra Repubblica in una Repubblica presidenziale con l’azzeramento dei poteri di controllo e tutto il potere nelle mani di un Presidente che diventerà un ‘uomo solo al comando’, in sostanza la realizzazione del progetto pidduista di Licio Gelli che si prepara a trasformarsi in Costituzione italiana, sogno perseguito da Silvio Berlusconi per vent’anni ed ora possibile realtà grazie all’ appoggio del pd (a tal proposito consiglio a chi di voi si fosse perso ieri sera Veltroni da Telese di dare un’ occhiata al delirio dell’ uomo). Nuove figure, denominate ‘Saggi’, proprio per insignirle di autorevolezza e rispetto, venute fuori ad hoc dal cilindro, stanno elaborando l’ ambizioso progetto, ennesima espropriazione del Parlamento. Intanto non è ben chiaro cosa accadrà in casa Pd: Renzi si candiderà o no a leader del partito? Il leader sarà il nuovo candidato premier o le due figure saranno scisse? Chi potrà votare per queste primarie? Domande che a breve avranno una risposta anche se, a questo giro, dopo la scorsa fregatura firmata Bersani, Matteo si sta preparando per ogni evenienza, non c’ è dubbio. Dalla toscana ad esempio, suo baluardo e fortezza, nuclei afferenti alla scomparsa idv ( oggi allo 0,3% dopo l’ elezione di Messina a nuovo segretario) e a malpancisti pd hanno creato una nuova formazione di orientamento civico, denominata “progetto toscana”.
L’ obiettivo dichiarato è presentarsi alle prossime amministrative e regionali, nell’ambito politico del centrosinistra. Pare che il primo cittadino fiorentino sia in stretto collegamento con questo movimento, ma dei suoi sviluppi (che in larga parte dipenderanno anche appunto dalle scelte che Renzi farà rispetto alle primarie pd) vi aggiornerò a breve, poiché proprio oggi ho rivolto qualche domanda ai fondatori del progetto. Per il resto novità significative non appaiono all’ orizzonte, anzi, la situazione è cosi statica da fare drammaticamente paura. Sgonfiatosi il soufflè Grillo l’ Italia attende un nuovo eroe da osannare…tra uno zapping e l’ altro sui canali che ci aggiornano costantemente del calciomercato. E chissà che il nuovo eroe del momento non sia proprio quel “giovane”che, partito dalla ruota della fortuna è poi approdato nei salotti buoni, con un veloce passaggio ad Arcore, la nuova Medjugorie del ventunesimo secolo.

Questa voce è stata pubblicata in moda e tendenze e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>